imagesBellissimo libro per ragazzi.

Fin dall’illustrazione di copertina possiamo vedere la figura oscura e misteriosa dell’anziana Signora che segnerà la vita della nostra graziosa protagonista Katia.

Katia ha quindici anni, sta per diventare una piccola teppista con i suoi  amici scapestrati.

I suoi genitori sono  in cassa integrazione, hanno molti problemi e la lasciano sola per molto tempo.

Tutti i giorni, dopo la scuola, lei e il suo gruppo si trovano alla Madonnina. Qui inizia una vera e propria guerra con la signora Mautino, una vecchietta inflessibile che non sopporta quei ragazzi maleducati.

La tensione tra i due contendenti arriva a tal punto che il gruppo, per fare un dispetto, lancia delle bottiglie di vetro nel giardino della signora. Arrabbiatissima, la signora si mette d’accordo con il preside della scuola ed impone una severa punizione.

Mentre tutti gli altri andranno per alcune settimane a raccogliere la spazzatura insieme ai netturbini, Katia è la prescelta a fare da compagnia alla signora Mautino. La ragazza si dispera, incapace di credere che proprio a lei sia riservata quell’umiliazione.

E invece, a poco a poco, i silenzi sereni di Olga, i suoi modi di fare gentili, le sue letture interessanti, avvicinano Katia alla donna.

E alla ragazza si aprirà ben presto un mondo mai immaginato: quello lontano della Russia degli anni Quaranta, del partito comunista e dei gulag, quello del freddo e della sofferenza vera…

È un romanzo leggero ma molto forte  questo libro di Anna Lavatelli.

La scrittrice piemontese  insegna ai lettori la bellezza dell’incontro tra le parole semplici di una ragazzina dalla vita fragile e quelle gravi e profonde di un’anziana signora sopravvissuta all’inferno dei gulag.

Un rapporto inizialmente difficile e contrastato, che ben rappresenta la diversità tra le generazioni, che poi trova un equilibrio delicato ma solido in una comune sensibilità e dolcezza.

Ben scritto,ben ideato da consigliare come lettura estiva … che lascerà un piccolo segno dentro il cuore dei nostri giovani lettori!

anna-lavatelli

 

Share