La-straordinaria-invenzione-di-Hugo-Cabret-coverE’ stato pubblicato nel 2007, ed è apparso subito de La straordinaria invenzione di Hugo Cabret come di un libro unico, incrocio perfetto fra romanzo, graphic novel e cinema. La definizione non deve essere sfuggita a Martin Scorsese, che ha deciso di farne un film con attori famosissimi ed è stato  candidato a ben 11 Oscar.

Ma partiamo dal libro, scritto e illustrato da Brian Selznick. La storia di Hugo, un orfano dodicenne che vive nei meandri della stazione ferroviaria di Parigi, si sviluppa in 544 pagine, di cui circa 300 sono tavole illustrate con disegni in successione: sfogliando velocemente le pagine, il personaggio di Hugo si anima e si muove.

La trama fonde l’avventura con il mistero: insieme a Isabelle, la ragazzina incontrata nel negozio di giocattoli della stazione, complici una chiave misteriosa, un automa e un prezioso taccuino, Hugo cercherà di risolvere l’enigma legato alla vita di suo padre. disegno-di-hugo-cabret

L’illusione e la realtà si mescolano, e la forza evocativa del cinema entra prepotentemente in gioco. Non a caso il libro è anche un omaggio a Georges Méliès, considerato insieme ai fratelli Lumières uno dei padri della cinematografia.

Un piccolo gioiello, di cui allego alcuni disegni facente parte integrante del libro stesso.

hugo-cabret-isabelleA proposito,   la cosa più divertente è che se sfogli rapidamente le pagine disegnate, ti sembra di stare proprio in un cinematografo di altri tempi.la-straordinaria-invenzione-di-hugo-cabret-brian-selznickGeorges-Melies-Le-voyage-dans-la-lune-1902

 

Share